Città, spazi e cultura tra misurazione, valutazione e policy making

FACT7
VENERDÌ 29 SETTEMBRE
14.30-16.30

La costruzione delle politiche culturali urbane si misura tenendo conto, insieme, di aspetti immateriali, volatili e talvolta difficili da definire e di elementi molto concreti e sedimentati nel tempo. Che rapporto si può stabilire, allora, tra la riflessione critica e lo sviluppo di politiche efficaci? Che peso ha la costruzione di strumenti di misurazione, e come può influire sul nostro modo di affrontare il rapporto con gli spazi urbani? Queste sono le domande a cui cercheremo di rispondere attraverso sguardi diversi, mettendo in relazione teoria e pratica.

A cura di cheFare

Intervengono:
Valentina Montalto (Economista della cultura, Joint Research Centre JRC – European Commission’s Science Service, Ispra) - È una ricercatrice specializzata in economia della cultura e sviluppo locale. Attualmente lavora allo sviluppo del “Cultural and Creative Cities Monitor”; uno strumento di valutazione che permette di monitorare e comparare la performance di circa 170 città culturali e creative in 30 paesi europei; presso il Joint Research Centre (JRC) della Commissione europea. In precedenza, ha lavorato come project manager/ricercatrice senior con KEA, società di ricerca e consulenza nel settore della cultura e delle industrie creative con sede a Bruxelles.

Marianna D'Ovidio (Sociologa, ricercatrice al Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Bari) - Si interessa di cultura, innovazione sociale e creatività studiandone i legami con lo sviluppo locale, in particolare nelle città. Ha scritto numerosi saggi e articoli, sia di natura accademica, che rivolti a un pubblico più ampio. Il suo ultimo libro è "The creative city does not exist. Critical essays on the creative and cultural economy of cities", Milano: Ledizioni.

Alessandro Rubini (Programme Officer di Fondazione Cariplo e Project Leader iC-InnovazioneCulturale) - Dal 2008 è in Fondazione Cariplo dove lavora nell’Area Arte & Cultura, sui temi dell’innovazione e della cultural policy. Dal 2010 è responsabile del progetto “Distretti culturali” sulla valorizzazione del Patrimonio culturale e la governance dello sviluppo territoriale; dal 2013 avvia e gestisce il progetto “iC-innovazioneCulturale”, giunto ora alla sua terza edizione, che supporta la nascita e la gestione dell’innovazione nel contesto delle imprese culturali e creative. Insegna tuttora per Master e corsi di Laurea in management per la cultura presso Università Cattolica, Università Bocconi e Gruppo Sole24Ore.

Modera:
Bertram Niessen, direttore scientifico cheFare - Dal 2012 segue lo sviluppo di cheFare, prima come Project Manager ed oggi come Direttore Scientifico e Presidente. In quanto docente, autore e progettista si occupa di uno spettro ampio di argomenti: spazi urbani, economia della cultura, DIY 2.0 e manifattura distribuita, culture della rete e della collaborazione, innovazione dal basso, arte elettronica. Al cuore di tutto c’è un forte interesse per l'intersezione tra cultura, tecnologia e società, e la convinzione che ci sia il bisogno di nuove forme di azione sociale e politica.

mantova citta d arte e di cultura

Hub Santagnese10

Condividi con noi la tua idea di impresa culturale, il tuo progetto, le tue competenze: insieme possiamo fare molta più strada.

Newsletter

Vuoi ricevere la newsletter di Pantacon?
Inserisci qui il tuo indirizzo mail!

Hub Santagnese10

Condividi con noi la tua idea di impresa culturale, il tuo progetto, le tue competenze: insieme possiamo fare molta più strada.